Mozambique 2019

Aiuti d’emergenza nell’Africa meridionale

Aiuti d’emergenza nell’Africa meridionale

Il passaggio del ciclone Idai in Mozambico, Malawi e Zimbabwe ha causato devastazioni a lungo termine, distrutto case e raccolti, e ora imperversano fame e malattie.

La situazione

Nelle regioni inondate, l’acqua si è per lo più ritirata, lasciando dietro di sé case distrutte, campi devastati e un’urgenza umanitaria indescrivibile. Dopo il catastrofico passaggio del ciclone Idai a marzo, almeno 1,6 milioni di bambini dipendono dagli aiuti umanitari: hanno bisogno di cibo, acqua potabile e impianti sanitari, cure mediche, protezione e scuole. Il paese più colpito è il Mozambico, seguito dal Malawi e dallo Zimbabwe.

Mozambique 2019
Le scuole e altri edifici pubblici sono stati adibiti ad alloggi d’emergenza (Buzi, Mozambico, 21 marzo 2019).

© UNICEF/UN0291173/de Wet AFP-Services

L’acqua contaminata e le pessime condizioni igieniche negli alloggi d’emergenza sovraffollati favoriscono la diffusione di malattie. Almeno cinquemila persone hanno già contratto il colera, mentre anche il numero di casi di malaria continua ad aumentare. A tutto ciò si aggiunge la fame: il ciclone ha colpito la regione poche settimane prima del raccolto, che è andato per la maggior parte distrutto. Per evitare un’epidemia e prevenire la malnutrizione, urge fornire in modo capillare acqua, cibo e cure mediche.

Malawi 2019
Con l’allestimento di gabinetti mobili, l’UNICEF cerca di contenere la diffusione di epidemie (Namitcheni, Malawi, 19 marzo 2019).

© UNICEF/UN0289560/Gumulira

L’operato dell’UNICEF

In stretta collaborazione con le sue organizzazioni partner e i governi dei paesi colpiti, l’UNICEF fa tutto quanto in suo potere per fornire tempestivamente ai bambini e alle loro famiglie beni di prima necessità.

L’UNICEF:

  • mette a disposizione acqua potabile e pastiglie per la purificazione dell’acqua, e aiuta a riparare il sistema di approvvigionamento idrico;
  • distribuisce articoli per l’igiene personale, farmaci, alimenti terapeutici, zanzariere contro la malaria e altri beni di prima necessità;
  • vaccina adulti e bambini contro il colera;
  • allestisce zone a misura di bambino e scuole provvisorie;
  • aiuta a identificare i bambini che hanno perso i genitori e se possibile a riunirli con la loro famiglia.

Il ciclone Idai è la più grave catastrofe naturale degli ultimi vent’anni nell’Africa meridionale. La vostra donazione consente di salvare vite. Grazie di cuore per il vostro sostegno.

CHF