© UNICEF/UNI328121/Haro

Tragedia umanitaria nella regione del Sahel centrale

Importo della donazione:

Tragedia umanitaria nella regione del Sahel centrale

I conflitti armati, le catastrofi naturali dovute ai cambiamenti climatici e ora la pandemia di coronavirus mettono a dura prova gli Stati del Sahel centrale. Nel 2020, si prevede che in Burkina Faso, Mali e Niger oltre 5,3 milioni di bambini dipenderanno dagli aiuti umanitari.

milioni di bambini in Mali

2,4
dipendono dagli aiuti umanitari.

bambini in Burkina Faso

482 000
sono registrati quali sfollati interni.

bambini in Niger

400 000
soffrono di denutrizione acuta grave.

La regione del Sahel centrale, comprendente il Burkina Faso, il Mali e il Niger, è confrontata con una grave catastrofe umanitaria. Da anni è teatro di conflitti armati che hanno costretto milioni di persone, tra cui 900 000 bambini, ad abbandonare le loro case.

© UNICEF/UN0274349/Ayene

«La portata della violenza alla quale sono esposti gli abitanti più giovani della regione del Sahel centrale è spaventosa. I bambini vengono uccisi, mutilati e sono vittime di abusi sessuali, centinaia di migliaia di loro hanno già vissuto esperienze traumatiche.»

Marie-Pierre Poirier, Direttrice regionale dell’UNICEF per l’Africa occidentale e centrale

Oltre alle violenze, la popolazione è martoriata dalle catastrofi naturali dovute ai cambiamenti climatici. Alluvioni, siccità e invasioni di locuste causano carestie, più di 721 000 minori di cinque anni rischiano di soffrire di denutrizione acuta grava e di morire di fame.

Come se non bastasse, in Africa la regione è tra le più colpite dal coronavirus, e la pandemia aggrava la situazione già critica di molti bambini. In questi tre paesi, infatti, le scuole sono state chiuse per arginare la diffusione del virus, ma già prima circa otto milioni di ragazzi tra i sei e i quattordici anni non frequentavano le lezioni. Il loro numero è ora aumentato a dodici milioni. La chiusura delle scuole acuisce il rischio di arruolamento in gruppi armati, di sfruttamento sessuale, di lavoro minorile e di altre forme di abuso o maltrattamento.

L’emergenza coronavirus ha comportato inoltre la sospensione in molti paesi delle campagne di vaccinazione contro il morbillo, la poliomielite e la difterite: milioni di bambini in tutto il mondo rischiano ora di contrarre queste malattie evitabili. In un prossimo futuro, ciò potrebbe condurre a devastanti epidemie.

Con il vostro sostegno, l’UNICEF può contribuire notevolmente a contenere la diffusione del coronavirus e le sue conseguenze sociopolitiche nella regione del Sahel centrale.

  • Mettiamo a disposizione sapone, materiale medico e di protezione.
  • Sensibilizziamo i bambini e le loro famiglie sull’importanza di rispettare semplici regole igieniche, come lavarsi le mani.
  • Con il sostegno di specialisti sanitari, formiamo i giovani a rispondere a domande sul Covid-19 inviate da coetanei tramite SMS.
  • Distribuiamo radio a energia solare affinché i bambini possano seguire le lezioni anche da casa durante il confinamento.
  • Ci impegniamo affinché quante più persone possibile abbiano la possibilità di lavarsi.
  • Facciamo tutto quanto in nostro potere per allestire servizi sicuri presso i quali notificare i casi di maltrattamento o trascuratezza di minori.