Crisi alimentare in Malawi

In Malawi, il fenomeno climatico El Niño ha scatenato nel 2015 e del 2016 una terribile crisi alimentare. L’UNICEF Svizzera e Liechtenstein partecipa al finanziamento di un programma volto a migliorare durevolmente le condizioni alimentari dei bimbi più piccoli.

Malawi 2016
© UNICEF/UN022636/Chikondi

La situazione

Ogni paio d’anni, parte del continente africano subisce le conseguenze del fenomeno climatico El Niño, un’alternanza di siccità estrema e piogge torrenziali. L’ultimo ciclo del 2015/16 è stato tra i più violenti degli ultimi decenni e ha colpito duramente il Malawi.

Già nel 2014, lunghi periodi di siccità e il ritardo della stagione delle piogge avevano ostacolato la produzione di mais. A inizio 2015, precipitazioni intense avevano invece provocato inondazioni e danni ad abitazioni, raccolti e bestiame, e costretto oltre 230 000 persone alla fuga. Si stima che 3,5 milioni di bambini siano stati colpiti dalla crisi.

L’operato dell’UNICEF

L’UNICEF Svizzera e Liechtenstein partecipa al finanziamento di un programma volto a migliorare durevolmente le condizioni alimentari in Malawi.

I piccoli già gravemente debilitati dalla denutrizione vengono ricoverati in istituti sanitari e ricevono un latte speciale secondo un rigido piano terapeutico. Per i casi meno gravi, di regola è sufficiente distribuire alle madri cibo terapeutico ricco di proteine per un periodo di sei-otto settimane.

A scopo preventivo, le donne incinte e allattanti, nonché i bambini della prima infanzia ricevono una polvere contenente micronutrienti quale integratore alimentare. Le madri e altre persone di riferimento vengono istruite su importanti aspetti dell’alimentazione e su come riconoscere i primi segnali di denutrizione.

Il programma è in fase di attuazione. Ringraziamo di cuore tutti i donatori per il loro sostegno.