Tajikistan 2012

Acqua pulita per le cliniche ostetriche in Tagichistan

Acqua pulita per le cliniche ostetriche in Tagichistan

In Tagichistan, troppi bebè muoiono pochi giorni o settimane dopo la nascita. Tra le cause, l’acqua contaminata e la carenza di igiene nelle cliniche ostetriche.

La situazione

L’ex repubblica sovietica del Tagichistan, nelle alture dell’Asia centrale, è tra i paesi più poveri del mondo. La drammatica situazione economica si ripercuote sulla mortalità infantile, in diminuzione tra i minori di cinque anni, ma da anni immutata tra i neonati. Quasi la metà dei bambini che muoiono prima dei cinque anni non raggiunge nemmeno il mese di vita.

Uno studio del 2013 sostenuto dall’UNICEF ha individuato diverse cause all’origine di questo fenomeno, nonché potenziale di miglioramento nell’assistenza medica pre e postnatale, e nel coordinamento tra i servizi sanitari e di consulenza. Ma una delle ragioni per le quali molti bebè muoiono ancora prima di lasciare l’ospedale è la mancanza di acqua potabile, impianti sanitari e prescrizioni igieniche nelle cliniche ostetriche, il che facilita la trasmissione di malattie potenzialmente letali per i neonati.

I problemi risiedono già nelle infrastrutture: l’approvvigionamento idrico presenta sovente gravi lacune e, benché molti reparti siano dotati di gabinetti, i visitatori devono spesso usare rudimentali latrine. Molte infermiere, inoltre, sono all’oscuro del nesso tra igiene e trasmissione di malattie: le mani vengono raramente lavate con il sapone e addirittura molti dottori ritengono che l’acqua sia pulita quando non vi trovano impurità a occhio nudo.

Acqua pulita per le cliniche ostetriche in Tagichistan

Importo della donazione:

L’operato dell’UNICEF

Per accelerare i progressi, in Tagichistan l’UNICEF focalizza l’attenzione su venti cliniche ostetriche, quasi un terzo delle strutture che necessitano di urgenti miglioramenti. Insieme ai suoi partner, l’UNICEF sta pianificando le misure seguenti:

  • installazione di nuove condutture idriche, impianti per lavarsi le mani e sistemi di scolo;
  • predisposizione di gabinetti separati, moderni e adatti anche per persone con disabilità;
  • messa a disposizione di prodotti di pulizia, come sapone, disinfettante e polvere di cloro, e di utensili;
  • implementazione di un sistema di smaltimento dei rifiuti sanitari;
  • introduzione di materiale didattico e corsi sull’igiene per il personale sanitario.

Sul lungo termine, l’UNICEF collabora con il governo tagico affinché sia in grado di attuare autonomamente le misure necessarie nelle restanti cliniche ostetriche del paese.

Con una donazione, aiutate i neonati in Tagichistan a iniziare in modo sicuro e sano l’avventura della vita. Grazie di cuore!