«Scuole verdi» per una gestione sostenibile delle risorse naturali in Malawi

In Malawi, il disboscamento eccessivo e la coltivazione esclusiva di mais hanno acuito ulteriormente gli effetti del fenomeno El Niño di fine 2015. Con il concetto «Living Schoolyards» introdotto nelle scuole, l’UNICEF mira a rafforzare la salute dell’infanzia e la resistenza della popolazione.

Malawi 2017
© UNICEF Malawi

La situazione

Il Malawi, piccolo Stato dell’Africa sudorientale, è tra i paesi più poveri del mondo. Il suo sviluppo è frenato da una vertiginosa crescita demografica – oltre la metà degli abitanti ha meno di diciotto anni -, dalla diffusa insicurezza alimentare e da malattie come l’Aids e la malaria. Il paese, inoltre, dipende fortemente dall’agricoltura e continua a subire le conseguenze del fenomeno climatico El Niño di fine 2015.

El Niño non ha fatto altro che peggiorare problemi già esistenti in Malawi. L’eccessivo disboscamento causa l’abbassamento del livello delle acque sotterranee, di conseguenza il terreno riesce a trattenerne di meno. Il sole contribuisce a inaridire ulteriormente le superfici non più protette, mentre le forti precipitazioni provocano alluvioni immediate. Laddove la coltivazione è ancora possibile, viene piantato principalmente mais. Si stima che lo sviluppo del 40 per cento dei bambini malawiani è compromesso dalla denutrizione cronica.

L’operato dell’UNICEF

Oltre ad aiuti immediati, in Malawi sono necessarie soluzioni a lungo termine per rafforzare la resistenza della popolazione e affrontare i problemi legati al disboscamento, alla monotonia alimentare e alle catastrofi naturali.

Con il concetto di «Living Schoolyards» introdotto dall’UNICEF nelle scuole, l’attenzione è focalizzata sulla coltivazione dei polverosi cortili degli istituti. Gli obiettivi sono molteplici: gli alberi creano ombra e permettono di svolgere una parte delle lezioni all’esterno, riducendo così le dimensioni sproporzionate delle classi; frutta e verdura coltivate vengono utilizzate per preparare pranzi equilibrati e gratuiti; collaborando alla pianificazione, alla creazione e alla manutenzione degli orti, i bambini imparano le basi di un’alimentazione sana e di una gestione sostenibile delle risorse naturali, e sono in grado di trasmetterle alle loro famiglie e comunità.


Aiutate anche voi!

Con la vostra donazione, aiutate l’UNICEF a favorire tramite la coltivazione dei cortili scolastici lo sviluppo sano dell’infanzia del Malawi e il rafforzamento della popolazione contro le catastrofi naturali. Grazie di cuore per il sostegno.

CHF