Aiuti d’emergenza in Siria

L’incubo siriano non ha fine. Dopo oltre sette anni di guerra, i bambini sono allo stremo delle forze, dormono tra le macerie, soffrono la fame, e hanno vissuto l’indicibile. Circa duecento collaboratori rischiano ogni giorno la loro vita per assistere l’infanzia siriana nel bisogno.

un0185401_page.jpg

La situazione

Nonostante in molte regioni le ostilità siano cessate, le condizioni dell’infanzia siriana continuano a essere drammatiche. Il paese è in macerie: la maggior parte delle infrastrutture è distrutta, ospedali e scuole sono colpiti di proposito per sfiancare la popolazione, l’approvvigionamento di acqua, cibo, farmaci ed elettricità è collassato in più regioni. Ovunque regna la disperazione.

Al momento, quasi un milione di piccoli con le famiglie ha trovato rifugio – in alcuni casi fuggendo più volte – nella provincia di Idlib, nel nord-ovest del paese. Le conseguenze potrebbero essere terribili se la regione, una delle ultime ancora controllate dai ribelli, dovesse come annunciato venire attaccata dall’esercito siriano, dato che il confine con la Turchia è ancora chiuso.

L’operato dell’UNICEF

Circa duecento collaboratori rischiano ogni giorno la loro vita per assistere l’infanzia siriana nel bisogno. L’UNICEF è una delle poche organizzazioni umanitarie internazionali rimaste nel paese e collabora strettamente con ONG siriane per raggiungere quanti più bambini possibile, in particolare le famiglie nelle regioni assediate e in quelle discoste.

L’UNICEF

  • mette a disposizione carburante per le postazioni di pompaggio dell’acqua;
  • trasporta acqua potabile in regioni senza accesso all’infrastruttura pubblica di approvvigionamento idrico;
  • fornisce alimenti terapeutici ai piccoli che soffrono la fame;
  • distribuisce articoli sanitari e per l’igiene personale come farmaci, sapone e pannolini;
  • vaccina i bambini contro malattie come la polio e il morbillo.

Dove possibile, l’UNICEF costruisce scuole provvisorie affinché i bimbi possano conservare una parvenza di normalità. In totale, milioni di alunni hanno già ricevuto materiale scolastico e possono nuovamente frequentare le lezioni, sia formali sia informali. L’UNICEF allestisce infine zone a misura di bambino e si occupa dei piccoli gravemente traumatizzati o separati dalla loro famiglia.


» Fact Sheet: Aiuti d’emergenza in Siria (2018)

Aiutate anche voi!

Non siamo in grado di porre fine alle violenze in Siria, ma ognuno di noi può contribuire a lenire le sofferenze dell’infanzia. Grazie di cuore per il vostro appoggio.

Aiutate anche voi

Si, voglio aiutare l'UNICEF con una donazione per "Aiuti d’emergenza in Siria"
La ringrazio molto per la vostra decisione di donare al lavoro dell'UNICEF.
CHF

Abbonatevi alla nostra newsletter: