Bani Al-Harith

Aiuti d’emergenza in Yemen

La guerra civile in Yemen ha generato una tra le più gravi catastrofi umanitarie. Le infrastrutture statali sono collassate, le malattie si diffondono, l’approvvigionamento continua a peggiorare. La chiusura dei confini, l’onnipresente violenza e le difficoltà di finanziamento ostacolano gli aiuti.

milioni

11,3
di bambini dipendono dagli aiuti umanitari.

bambini

400 000
soffrono di denutrizione acuta grave.

milioni

2
di persone sono in fuga entro i confini nazionali.

milioni

1,2
di persone hanno contratto il colera da aprile 2017.

La situazione

Lontana dai riflettori dell’opinione pubblica, la guerra civile in Yemen sta causando una delle maggiori catastrofi umanitarie. Abitazioni o edifici civili come scuole e ospedali vengono bombardati quotidianamente. Negli ultimi tre anni, si contano migliaia di vittime tra i civili e due milioni di sfollati all’interno dei confini nazionali. Nessuno ormai riesce più a fuggire in Arabia Saudita o in Oman.

«La guerra civile sta causando una delle peggiori catastrofi umanitarie mai viste.»

Geert Cappelaere, Direttore regionale dell’UNICEF per il Medio Oriente e il Nord Africa

Le infrastrutture statali, come il sistema sanitario, sono collassate. L’approvvigionamento è in condizioni catastrofiche, e nel frattempo circa tre quarti della popolazione dipendono dagli aiuti umanitari. 400 000 bambini minori di cinque anni soffrono di denutrizione acuta grave e lottano per sopravvivere. Oltre all’epidemia di colera scoppiata nell’aprile 2017 – una delle peggiori mai viste –, si sta diffondendo la difterite, un’altra malattia infettiva potenzialmente letale.

L’operato dell’UNICEF

Per le organizzazioni umanitarie operare in Yemen è difficilissimo. Blocchi aerei e navali ostacolano la fornitura di aiuti d’emergenza, le ostilità la loro distribuzione. Nonostante le difficoltà di finanziamento, l’UNICEF riesce a prestare aiuti decisivi a centinaia di migliaia di bambini yemeniti.

  • Nel quadro della lotta al colera e ad altre malattie infettive, l’UNICEF invia nelle zone colpite dozzine di tonnellate di vaccini, farmaci e pastiglie per la purificazione dell’acqua.
  • L’UNICEF mette a disposizione acqua potabile e benzina per le pompe idriche pubbliche, e allestisce infrastrutture sanitarie.
  • I bambini denutriti ricevono alimenti terapeutici e vitamine.
  • Squadre mobili portano cibo, farmaci e articoli per l’igiene in zone di difficile accesso.
  • L’UNICEF sostiene l’informazione alla popolazione sui proiettili inesplosi. I bambini, in particolare, rischiano di ferirsi mentre giocano.
  • In collaborazione con il Ministero dell’istruzione, l’UNICEF assicura l’accesso alle lezioni a quanti più alunni possibile.

Il conflitto in Yemen è poco mediatizzato. Non dimentichiamoci dell’infanzia yemenita. Grazie di cuore per il sostegno.

CHF