Diritti dell’infanzia in formato compatto

Mädchen hält das Deutsche Grundgesetz in die Kamera.

Informazioni, iniziative per partecipare e materiali


Ogni bambino ha il diritto di crescere in salute e sicurezza, di svilupparsi nel miglior modo possibile, di essere ascoltato e preso sul serio. Questo è ciò che tutti i Paesi del mondo hanno concordato nella Convenzione dell’ONU sui diritti dell'infanzia (CDI).

Il 20 novembre 1989, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato la Convenzione dell’ONU sui diritti dell'infanzia. 

La Convenzione sui diritti dell'infanzia è un trattato internazionale sui diritti umani. Si compone di 54 articoli da cui si ricavano i diritti dell’infanzia. I diritti dell’infanzia possono essere suddivisi in diritti di protezione, diritti di promozione e diritti di partecipazione. I diritti dell’infanzia si applicano a tutti i bambini e gli adolescenti da 0 a 18 anni.

La Convenzione sui diritti dell’infanzia è stata ratificata in Svizzera nel 1997 e nel Liechtenstein due anni prima. Gli Stati devono garantire che i diritti dell’infanzia siano salvaguardati e attuati sul loro territorio. La situazione dei diritti dell’infanzia di un Paese è regolarmente sottoposta a verifica attraverso la Procedura di rapporto degli Stati.


Diritto alla non discriminazione.

Kinderrechtskonvention: Nicht-Diskriminierung

Nessun bambino può essere discriminato per motivi di sesso, origine o nazionalità, lingua, religione o colore della pelle, disabilità od opinione politica.

Priorità del superiore interesse del bambino

Kinderrechtskonvention Prinzip Kindeswohl

Ogni qualvolta vengono prese decisioni che possono avere effetto sul bambino, il suo superiore interesse ha la precedenza. Questo vale sia in famiglia che per l'intervento dello Stato.

Diritto alla vita e allo sviluppo

Kinderrechtskonvention: Prinzip Entwicklung

Ogni bambino deve avere accesso alle cure mediche, deve poter andare a scuola ed essere protetto da abusi e sfruttamento.

Diritto all’ascolto e alla partecipazione

Kinderrechtskonvention Prinzip Partizipation

Ogni bambino deve essere preso sul serio e rispettato come persona indipendente. Questo significa anche che deve essere informato in base alla sua età e maturità e coinvolto nelle decisioni.



Il 20 novembre si celebra la Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia (World Children’s Day). Il 20 novembre 1989, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite adottò la Convenzione sui diritti dell'infanzia. 

In occasione della Giornata dei diritti dell'infanzia, in tutto il mondo si svolgono numerose iniziative per richiamare l'attenzione sul fatto che ogni bambino possiede diritti, in qualsiasi parte del mondo egli viva. 

Desiderate realizzare una vostra iniziativa in occasione della Giornata dei diritti dell'infanzia? Qui di seguito potete trovare ispirazioni.

Realizzate la vostra idea sui diritti dell’infanzia. Quando postate la vostra iniziativa sui social media, non dimenticate di taggare «UNICEF Svizzera e Liechtenstein» in modo che possiamo vedere e condividere il vostro post.

  • Diventate membri di UNICEF Svizzera e Liechtenstein, lottate insieme a noi per i diritti dell’infanzia
  • Regalate ai bambini un futuro migliore: diventate Genitore del mondo, sostenendo così l'UNICEF nel dare a ogni bambino i suoi diritti.
  • Sostenete l'UNICEF con una donazione generale



La Convenzione formula valori di base validi in tutto il mondo su come trattare i bambini, al di là di tutte le differenze sociali, culturali, etniche o religiose. Per la prima volta, i bambini sono considerati come personalità indipendenti, che hanno le proprie opinioni e possono esprimerle. Tutti gli Stati del mondo, tranne gli Stati Uniti, hanno ratificato la Convenzione.

I bambini e gli adolescenti si trovano in una fase molto particolare della vita. Più sono piccoli, più dipendono da sostegno e protezione. Man mano che diventano grandi e maturi, aumenta la loro indipendenza e autodeterminazione. I diritti dell’infanzia tengono conto di queste capacità e necessità, che sono in via di evoluzione.

I bambini e gli adolescenti sono considerati soggetti giuridici indipendenti. Sottoscrivendo la Convenzione dell’ONU sui diritti dell'infanzia, gli Stati si impegnano a dare sempre priorità all’interesse superiore dei bambini e ad attuare i diritti dell'infanzia.

Tutti i diritti dell’infanzia sono ugualmente importanti. Non esistono diritti più importanti o meno importanti. Tutti i diritti dell’infanzia sono interconnessi. Non si possono privare i bambini di alcun loro diritto. Dipende sempre dalla situazione individuale del bambino quale sia il diritto più importante che lo riguarda.

La Convenzione sui diritti dell'infanzia include in totale 54 articoli in cui sono sanciti i diritti dei minori. I diritti dell’infanzia possono essere suddivisi in diritti di protezione, diritti di promozione e diritti di partecipazione.

Qui trovate il testo integrale della Convenzione sui diritti dell'infanzia.

 

La Convenzione sui diritti dell’infanzia ha quattro principi di base.

  • Diritto alla non discriminazione.
  • Priorità del superiore interesse del bambino
  • Diritto alla vita, alla sopravvivenza e alla salvaguardia
  • Diritto alla partecipazione

Sì, perché uno dei principi fondamentali della Convenzione sui diritti dell'infanzia è il diritto alla parità di trattamento. Questo significa che i diritti dell’infanzia si applicano in modo uguale e senza restrizioni a tutti i bambini da 0 a 18 anni, indipendentemente dalla provenienza, dal sesso, dalla religione, dalla disabilità, ecc.

I diritti dell’infanzia possono essere, ad esempio, trattati in classe. Noi offriamo dispense e materiali redatti in un linguaggio semplice, come ad esempio la Convenzione sui diritti dell'infanzia in versione semplificata e in formato di pocket book o manifesto.

Trovate informazioni in un linguaggio adatto ai bambini nella nostra pagina del materiale informativo.

La Convenzione dell’ONU sui diritti dell'infanzia è al centro del nostro lavoro ed è strettamente legata alla Dichiarazione universale dei diritti umani. Nel 1946 è stato fondato l'UNICEF per rispondere allo stato di emergenza di molti bambini dopo la fine della Seconda guerra mondiale.

L'UNICEF lavora per garantire il rispetto dei diritti dell’infanzia in tutti i Paesi del mondo, soprattutto in quelli in via di sviluppo ed emergenti. L'UNICEF sostiene programmi in oltre 190 Paesi affinché i bambini possano realizzare il loro diritto alla sopravvivenza, all'apprendimento, alla protezione dalla violenza e dallo sfruttamento, a un ambiente pulito e alla parità di trattamento.

Apprendete maggiori informazioni sui nostri programmi internazionali.

 

I diritti dell’infanzia si applicano a tutti i bambini del mondo, compresi quelli che vivono da noi. Da noi, la maggior parte delle bambine e dei bambini sta bene. Tuttavia, anche in Svizzera e nel Liechtenstein i bambini subiscono violenze o sono emarginati. Molti crescono in povertà. Inoltre, il benessere dei bambini e degli adolescenti è ancora lontano dall'avere la priorità nella politica e nella società. 

L’UNICEF vuole ottenere che la prospettiva dei bambini conti di più, e lo fa tramite pubblicazioni, attività mediatiche, iniziative e nel dialogo diretto con la politica.
 

Principalmente lo Stato ha la competenza per l'attuazione dei diritti dell’infanzia. Questo significa che i governi e le amministrazioni della Confederazione, dei Cantoni e dei Comuni sono responsabili dell'osservanza e della promozione dei diritti dell’infanzia.

Tuttavia, anche tutti gli altri soggetti, ad esempio aziende, organizzazioni, adulti e gli stessi bambini e adolescenti, devono rispettare i diritti dell’infanzia.

Il governo deve riferire regolarmente al Comitato dell’ONU sui diritti dell'infanzia in merito all'attuazione dei diritti dei minori. La società civile redige un rapporto alternativo su questo tema. Si possono scaricare questi rapporti dalla nostra pagina informativa sulla Procedura di rapporto degli Stati.
 

Nel corso degli anni, la Convenzione sui diritti dell’infanzia è stata ampliata in alcune aree particolarmente importanti attraverso i cosiddetti «Protocolli opzionali»: 

  • il primo riguarda la tratta dei minori, la prostituzione infantile e la pornografia infantile.
  • Il secondo riguarda il coinvolgimento dei bambini nei conflitti armati. 
  • Il terzo offre la possibilità di presentare un reclamo individuale da parte di bambini e adolescenti al Comitato dell’ONU sui diritti dell'infanzia. 

Tutti e tre i Protocolli opzionali sono stati ratificati dalla Svizzera e dal Liechtenstein.

I diritti umani, come quelli enunciati nella «Dichiarazione universale dei diritti umani» delle Nazioni Unite o nella «Convenzione europea dei diritti dell'uomo», si applicano a tutte le persone, compresi bambini e adolescenti. 

La Convenzione sui diritti dell'infanzia si applica specificamente alle persone di età inferiore ai 18 anni e garantisce ulteriore protezione e assistenza a questa fascia di età. Inoltre, la CDI chiarisce che bambini e adolescenti sono personalità indipendenti dotate di diritti propri.

Gli albori dei diritti dell’infanzia risalgono al 1924. La «Carta dei bambini» della Società delle Nazioni del 1924 fu una reazione alla situazione dei bambini rifugiati dopo la Prima guerra mondiale. Non era giuridicamente vincolante e perse la sua validità con lo scioglimento della Società delle Nazioni nel 1946. 

Le Nazioni Unite adottarono la prima «Dichiarazione dei diritti del fanciullo» il 20 novembre 1959. Tuttavia, essa non era molto più vincolante della Carta del 1924. 

Nel 1978, la Polonia presentò una prima bozza di convenzione sui diritti dell'infanzia, seguita da una seconda bozza rivista nel 1980, che costituì la base per la stesura della versione finale della «Convenzione sui diritti dell'infanzia». Questa venne infine approvata dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989.

I diritti dell’infanzia vigono in tutto il mondo. Tuttavia, non sono rispettati ovunque. 

L'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato la Convenzione sui diritti dell'infanzia nel 1989. Successivamente, è stata ratificata da quasi tutti i Paesi del mondo. La Convenzione sui diritti dell'infanzia è il trattato sui diritti umani più ratificato al mondo.

La Convenzione sui diritti dell'infanzia fu ratificata dalla Svizzera il 24 febbraio 1997 ed entrò in vigore il 26 marzo 1997. 

Nel Liechtenstein, la Convenzione fu ratificata il 31 ottobre 1995 ed entrò in vigore il 21 gennaio 1996.

La Convenzione sui diritti dell’infanzia fu sottoscritta il 20 novembre 1989 dall’Assemblea generale dell’ONU. Per questo motivo, si celebra la Giornata dei diritti dell’infanzia – detta anche «World Children’s Day» – il 20 novembre di ogni anno.

Nel 2015 fu varata l’Agenda 2030 con i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals, SDGs). Tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite si sono quindi impegnati a risolvere in modo sostenibile la povertà e la fame oltre che le sfide globali come l'urbanizzazione, il cambiamento climatico e i conflitti violenti.

Con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS), la comunità internazionale mira a far progredire in modo sostenibile lo sviluppo economico, sociale ed ecologico entro il 2030 e a creare un mondo più giusto e più futuribile per tutte le persone. Sulla strada verso lo sviluppo sostenibile non si deve lasciare indietro nessuno, neppure un singolo bambino. «Leave no one behind» è il principio guida centrale dell’Agenda 2030.

Pertanto, ogni Obiettivo di Sviluppo Sostenibile ha una rilevanza centrale per i bambini e il loro benessere. Molti degli Obiettivi si riferiscono persino direttamente a uno o più diritti dell’infanzia.

Gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile non possono essere realizzati senza attuare i diritti dell’infanzia. 

Se desiderate maggiori informazioni sulla rilevanza dei singoli articoli della Convenzione dell’ONU sui diritti dell'infanzia rispetto agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, cliccate sul nostro Mapping interattivo.

UNICEF Newsletter sui diritti dei bambini

La nostra newsletter sui diritti dei bambini vi informa sul nostro lavoro in Svizzera e nel Liechtenstein e su altri eventi e progetti interessanti.